controlli antiriciclaggio della guardia di finanza

Antiriciclaggio: controllate nel 2014 dalla Guardia di Finanza 85.000 segnalazioni sospette

(ANSA) – Roma, 14/06/15

Sono 85.581 le operazioni sospette passate al setaccio del Nucleo speciale polizia valutaria della Guardia di finanza nel 2014.

Il 99,87% delle segnalazioni trasmesse dall’Unita’ d’informazione finanziaria della Banca d’Italia (Uif), che per il 2014 sono state 75.877, ha riguardato il fenomeno del riciclaggio. Il totale dell’operativita’ segnalata supera i 150 miliardi di euro.

Al termine degli approfondimenti investigativi, curati dai reparti delle Fiamme Gialle sul territorio nazionale, per 6.049 casi le segnalazioni hanno riguardato procedimenti penali gia’ esistenti mentre i procedimenti penali avviati ex novo sono stati 588. Sono state 1.313 le violazioni amministrative contestate, la maggior parte delle quali sanzionate proprio dalla normativa antiriciclaggio (829).

Le contestazioni fiscali scaturite dallo sviluppo delle segnalazioni sono state 431, mentre 38 casi hanno riguardato la normativa sul monitoraggio fiscale e i trasferimenti transfrontalieri di valuta.

Nel 2014, a fronte delle oltre 85 mila segnalazioni analizzate, sono stati avviati 28.352 casi di approfondimento investigativo.
Come sempre, l’apporto di segnalazioni piu’ consistente e’ stato fornito dalle banche (80,72%), seguite dagli intermediari finanziari (12,95%).
Con 3.538 segnalazioni, la categoria dei professionisti ha raddoppiato la propria quota percentuale rispetto allo scorso anno, passando dal 2,04% al 4,66%.
Tra le causali piu’ frequenti all’origine del sospetto si segnalano: utilizzo del contante (19,36%), operativita’ posta in essere da soggetti indagati (8,22%), reiterazione di operativita’ sospetta gia’ segnalata (7,90%), utilizzo anomalo di carte prepagate (5,65%) e utilizzo di conti personali e non d’impresa (3,55%). (ANSA).

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.