contrasto internazionale evasione

OCSE – Approccio internazionale per la lotta contro l’evasione fiscale

L’OCSE ha pubblicato in data 16/09/2014, le sue prime raccomandazioni per un approccio internazionale coordinato per la lotta contro l’evasione fiscale da parte delle imprese. Tali misure di contrasto internazionale all’evasione, rientrano nei programmi avviati nei mesi precedenti per creare un coordinamento di norme fiscali internazionali finalizzate ad evitare l’erosione della base imponibile e lo spostamento fittizio di utili.

Nel corso della presentazione delle raccomandazioni OCSE, il segretario generale Angel Gurría ha dichiarato:

“Il G20 ha individuato l’erosione della base imponibile attraverso lo spostamento fittizio di utili, come un grave rischio per il gettito fiscale dei sistemi fiscali di tutto il mondo. Le nostre raccomandazioni costituiscono gli elementi costitutivi di una risposta concordata a livello internazionale e coordinata a strategie di pianificazione delle imposte sulle società che sfruttano le lacune e scappatoie del sistema attuale di spostare artificialmente gli utili nei luoghi in cui essi sono soggetti ad un trattamento fiscale più favorevole.”

Su richiesta dei leader del G20, il lavoro dell’OCSE si basa su un  piano d’azione BEPS  che fissa i 15 elementi chiave da affrontare entro il 2015.  Il progetto si propone di aiutare i governi a proteggere le loro basi imponibili e di offrire maggiore certezza e prevedibilità per i contribuenti, contro nuove regole interne che si traducono in una doppia imposizione, oneri di conformità ingiustificati o restrizioni alla legittima attività transfrontaliere.

I primi 7 elementi del piano d’azione pubblicato oggi riguardano le modalità su come aiutare i singoli stati a:

  • assicurare la coerenza della tassazione del reddito d’impresa a livello internazionale, attraverso nuove disposizioni fiscali del modello e del trattato per neutralizzare le modalità di mismatch ibrido (Azione 2);
  • riallineare la tassazione e la sostanza rilevanti per ripristinare i benefici previsti per gli standard internazionali e per prevenire l’abuso di trattati fiscali (azione 6);
  • assicurare che il trasferimento dei risultati di prezzi sono in linea con la creazione di valore, attraverso azioni per affrontare le questioni relative ai prezzi di trasferimento nel settore chiave dei beni immateriali (Azione 8);
  • migliorare la trasparenza per le amministrazioni fiscali e rafforzare la certezza e la prevedibilità per i contribuenti attraverso il miglioramento della documentazione dei prezzi di trasferimento e un modello per paese per paese dichiarante (Azione 13);
  • affrontare le sfide dell’economia digitale (Azione 1);
  • facilitare la rapida attuazione delle azioni BEPS attraverso una relazione sulla fattibilità dello sviluppo di uno strumento multilaterale a modificare i trattati fiscali bilaterali (azione 15); e
  • contro le pratiche dannose fiscali (azione 5).

Le raccomandazioni dell’OCSE saranno un elemento chiave all’ordine del giorno quando i ministri delle finanze del G20 si riuniranno il 20-21 settembre a Cairns, in Australia.

Le misure proposte sono state concordate dopo un processo di consultazione trasparente e intenso tra l’OCSE, G20 e dei paesi in via di sviluppo e le parti interessate da parte delle imprese, del lavoro, del mondo accademico e organizzazioni della società civile.

Queste raccomandazioni possono essere influenzati da decisioni prese rispetto alle restanti elementi del piano d’azione BEPS, che sono in programma da presentare ai Governi del G20 per l’approvazione definitiva nel 2015.

Guarda il webcast della conferenza stampa (fonte http://video.oecd.org)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *