Go to Top

Antiriciclaggio per i consulenti del lavoro, definite le prestazioni soggette agli obblighi di adeguata verifica in una nuova circolare

Obblighi antiriciclaggio per il consulente del lavoro

consulenti-del-lavoroIl Consulente del Lavoro è destinatario della normativa antiriciclaggio prevista dal D.Lgs. 231/2007, ad eccezione dell’attività prevista all’ art. 12, comma 3, in relazione allo svolgimento della mera attività di redazione e/o di trasmissione delle dichiarazioni derivanti da obblighi fiscali e degli adempimenti in materia di amministrazione del personale di cui alla legge 11 gennaio 1979, n. 12.

Recentemente per i Consulenti del Lavoro, è stata emanata dal Consiglio Nazionale, una circolare che evidenzia alcuni obblighi in materia di antiriciclaggio, e precisamente la circolare n. 1137 del 11/12/2016, e sempre sul tema, nell’anno 2013 era stata emanato il parere n. 2 del 27/05/2013.

Prestazioni soggette all’adeguata verifica per i consulenti del lavoro

Nella circolare n. 1137 del 11/12/2016, viene stabilito che i Consulenti del Lavoro, devono svolgere l’adeguata verifica per le seguenti prestazioni professionali:

  • consulenza aziendale, amministrativa, contrattuale, tributaria o finanziaria di carattere continuativo;
  • consulenza per la predisposizione e la gestione di un piano di assunzioni di personale per conto di un’azienda che necessiti la valutazione di tutti gli aspetti giuridici, economici, contabili, assicurativi, previdenziali e sociali;
  • consulenze a qualsiasi titolo sul trasferimento delle attività economiche compreso le posizioni e i diritti dei dipendenti;
  • consulenze continuative attinenti la gestione o l’amministrazione di società cooperative, Onlus ed altri enti;
  • gestioni di posizioni previdenziali e assicurative;
  • assistenza e rappresentanza nel contenzioso amministrativo del lavoro e previdenziale;
  • assistenza e consulenza nella mediazione e certificazioni contratti;
  • assistenza e rappresentanza nella difesa tributaria, giudiziale e stragiudiziale;
  • gestioni di incassi e versamenti in nome e per conto del cliente unitariamente oltre soglia;
  • gestioni di titoli, conti bancari, denaro, libretti di deposito;
  • consulenza di materia di contabilità e bilanci;
  • ispezioni amministrative, verifiche contabili e certificazioni;
  • redazioni di stime e perizie di parte;
  • assistenza e consulenza per istruttoria finanziamenti;
  • arbitrati e ogni altro incarico di composizione della controversia.

Adempimenti antiriciclaggio per i consulenti del lavoro

Con la circolare in materia di antiriciclaggio per i Consulenti del Lavoro, vengono evidenziati i consueti obblighi tra cui:

1) identificazione cliente;
2) identificazione del titolare effettivo;
3) ottenimento di informazioni su natura e scopo della prestazione professionale;
4) controllo costante durante la prestazione professionale;
5) registrazione e conservazione dati;
6) segnalazioni delle operazioni sospette;
7) formazione del personale ove esistente.

Quanto sopra detto comporta che i Consulenti del Lavoro sono in ogni caso obbligati ad effettuare l’adeguata verifica della clientela, registrare e conservare i dati e formare il personale ove esistente. Inoltre, gli stessi sono vincolati, fatte salve le specifiche esenzioni, all’osservanza di tutte le norme contenute nel D.Lgs. 231/2007, che, tra l’altro, dispone in modo tassativo l’obbligo per i professionisti di effettuare l’adeguata verifica della clientela “quando vi è sospetto di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo, indipendentemente da qualsiasi deroga, esenzione o soglia applicabile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *